Diritto civile e commerciale

 

ESCLUSIONE PER MOROSITÁ DALLA QUALITÁ DI SOCIO DI COOPERATIVA EDILIZIA A CONTRIBUTO PUBBLICO. RICORSO ALLA COMMISSIONE REGIONALE DI VIGILANZA DELLA SICILIA. MOTIVI INFONDATI E RIGETTO DEL RICORSO.  

 

 

Il caso:
La Cooperativa ha più volte invitato il socio a provvedere al pagamento dei suoi debiti sociali. Il socio intimato ha riscontrato le predette missive chiedendo di esaminare preventivamente la documentazione contabile della società e contestando comunque il credito nei propri confronti in forza di un preteso errore nel computo metrico nel contratto di appalto stipulato con l’impresa esecutrice dei lavori sociali. Persistendo la denunciata morosità il Consiglio di Amministrazione della Società ha deliberato l’esclusione del socio, notificando il relativo provvedimento.
Avverso la delibera di esclusione ha tempestivamente proposto ricorso il socio escluso.
La Cooperativa si è costituita in termini sostenendo:
a) che tutte le richieste di versamento erano supportate da delibere sociali regolarmente approvate;
b) che nessun errore era ipotizzabile in ordine al contratto di appalto, posto che esso era stato stipulato a forfait e non a misura;
c) che nessun diritto poteva competere al socio in ordine al diretto controllo della documentazione contabile, posto che nelle società cooperative le verifiche della documentazione contabile sono riservate esclusivamente al Collegio Sindacale, mentre l’attività gestionale compete esclusivamente al Consiglio di Amministrazione.

La decisione:
La Commissione Regionale di Vigilanza per l’edilizia popolare ed economica per la Sicilia ha rigettato il ricorso sostenendo:
– che le contestazioni del credito sociale formulate dal socio escluso sono apparse intempestive, non essendo stata mai impugnata alcuna delibera di ripartizione delle spese, né alcuna delibera di approvazione dei bilanci societari;
– che il dedotto errore nella formulazione del computo metrico si è appalesato infondato, non potendosi ipotizzare alcun errore di tal genere in un appalto a forfait, il cui accordo contrattuale esclude, appunto, ogni ipotesi di misura dei lavori eseguiti;
– che il mancato invio della documentazione da parte della Cooperativa è risultata ininfluente sulla morosità determinatasi, tenuto conto dei bilanci sociali approvati e non opposti dal socio escluso.
Giudizio patrocinato dall’avv. Gualtiero Cannavò nell’interesse della Cooperativa.